LA CANNABIS INFLUISCE SUL SONNO?
1

“Godere di  una canna rilassante dopo una frenetica e intensa giornata di lavoro è qualcosa di meraviglioso!”

Per assicurarsi un sonno profondo la Cannabis può essere l’alleato migliore. Ma lo sapevate che dietro il legame tra Cannabis e sonno c’è un aspetto interessante?

SCOPRIAMO COME LA CANNABIS INFLUENZA IL NOSTRO SONNO

Molti sono gli effetti benefici della Cannabis che ne influenzano il suo consumo da parte di un’utenza sempre più corposa ed esigente. Tra le ragioni che spingono al consumo di marjuana c’è sicuramente un benefit contro i problemi del sonno. Le persone che soffrono di insonnia o di altri problemi legati al sonno possono contare sulla Cannabis, un prodotto naturale che offre gli stessi effetti di un sonnifero, eccezion fatta per gli effetti negativi che questi hanno sull’organismo.

È ovvio che non tutte le varietà hanno gli stessi effetti “soporiferi” . Prima di procedere al consumo è bene informarsi sulle varietà più indicate per contrastare l’insonnia. Il commercio ne offre moltissime e tra queste ce ne sono molte che hanno la capacità di influire sui nostri sogni. Ciò è dovuto agli effetti della marijuana che interagiscono sul ciclo REM, la fase del sonno in cui siamo più propensi a sognare.Ciò che risulta ancora più curioso è che la gente che ha fatto uso di Cannabis per diversi anni ed improvvisamente smette di consumarla, afferma di fare sogni più frequenti ed intensi. Questo effetto è anche conosciuto come “REM rebound”.

QUAL È LA VARIETÀ CHE MEGLIO INFLUISCE SUL SONNO?

Le migliori varietà “notturne”, sono le Indica. La gente ama queste genetiche per il loro pesante effetto “stoned”, corporeo e rilassante, perfetto per conciliare il sonno e passare notti di profondo riposo. Le S

ativa, invece, sono conosciute per i loro effetti più energizzanti e stimolanti, perfette per il consumo diurno.

Non sono ancora ben chiari i motivi per cui le Indica tendano ad essere le migliori varietà per dormire, ma secondo alcune teorie è dovuto al loro contenuto di terpeni. I terpeni sono biomolecole aromatiche prodotte dalle varietà di Cannabis e responsabili degli aromi e dei sapori di una pianta di marijuana, oltre ad altre proprietà. Secondo queste teorie, sono i terpeni contenuti nella Cannabis a provocare effetti sedativi e, normalmente, le Sativa ne contengono meno, il che spiegherebbe la differenza tra gli effetti di un’Indica e quelli di una Sativa. Se avete problemi di sonno, vi consigliamo di dare un’occhiata alle nostre varietà di Cannabis raccomandate per l’insonnia.

I terpeni sono contenuti anche in altre specie vegetali usate come sonniferi naturali, come la camomilla, la lavanda o il luppolo. Ciò che risulta ancora più interessante è che i terpeni contenuti in queste piante formano una particolare e benefica sinergia con il CBN contenuto nella Cannabis, generando effetti ancora più efficaci. Detto in altre parole: fumare una canna d’erba, sorseggiando una tazza di camomilla, può rivelarsi un sonnifero ottimale.

L’ERBA PIÙ STAGIONATA AGISCE MEGLIO SULLA QUALITÀ DEL SONNO

Non molto tempo fa, la scienza ha fatto una curiosa scoperta circa gli effetti sedativi dell’erba più “stagionata”. Da alcune analisi di laboratorio è risultato che, con il passare del tempo, il THC si degrada, trasformandosi in CBN, un composto cinque volte più sedativo del THC.

Purtroppo, questa conversione da THC a CBN, innescata dall’ossidazione e da altri processi naturali, richiede tempi molto lunghi. Un ricercatore ha riportato i risultati ottenuti da un’analisi su una bustina d’erba dall’elevato contenuto in THC, conservata in un ambiente asciutto e caldo per un paio d’anni. Secondo il suo studio, fino ad un 5% di THC era stato trasformato in CBN, rendendo l’erba un potente sonnifero naturale. In altre parole: se avete problemi di sonno, un po’ d’erba ben stagionata potrebbe diventare la vostra migliore alleata.

CI SONO ALIMENTI A BASE DI CANNABIS CHE CONCILIANO IL SONNO?

Gli alimenti a base di marijuana, i cosiddetti “edible”, richiedono più tempo per fare effetto, ma durano molto più a lungo rispetto al fumare o vaporizzare Cannabis. Per coloro che hanno problemi di sonno, soprattutto per chi tende a svegliarsi anzitempo e, di conseguenza, non riesce a riposare bene, gli edible possono essere un ottimo rimedio per ottenere effetti rilassanti e sedativi più prolungati. In questo modo si hanno maggiori probabilità di dormire bene durante tutta la notte.

 

LA CANNABIS PUÒ PROVOCARE DISTURBI DEL SONNO?

Un recente studio condotto nel 2014, in contraddizione con quanto detto finora, ha scoperto che il consumo di Cannabis potrebbe addirittura peggiorare la qualità del sonno. Ci teniamo comunque a sottolineare che questi risultati devono essere presi con un certo scetticismo. Gli scienziati che hanno partecipato a questa ricerca hanno esaminato un gruppo di adolescenti, tutti consumatori di Cannabis. Esaminando i loro comportamenti notturni durante le ore di sonno sono arrivati alla conclusione che la Cannabis provoca disturbi del sonno, soprattutto tra gli adolescenti. Tuttavia, i risultati di questo studio non dicono se i ragazzi che assumevano Cannabis soffrivano già d’insonnia o se erano stati i suoi effetti a peggiorare la qualità del sonno. Ovviamente, anche in questo caso sono necessari ulteriori studi.

La ricerca scientifica su Cannabis e sonno richiede ulteriori accertamenti, ma non si può negare che questi risultati siano incoraggianti e che meritino maggiori approfondimenti. Quali sono le vostre esperienze con la Cannabis e il sonno? Questa pianta vi aiuta a dormire meglio? Non esitate a farcelo sapere nel riquadro dei commenti!

1

  1. […] Leggi anche: La Cannabis influisce sul sonno? […]

Leave a Comment

Your email address will not be published.

0

TOP

X