CANAPA, LA NUOVA FRONTIERA DEL MERCATO ITALIANO
1

L’ idea della canapa industriale non è nuova: fino agli anni Quaranta l’Italia, con i suoi 100 mila ettari coltivati, era il secondo produttore al mondo dietro all’Unione Sovietica. Poi nei Cinquanta tutto è cambiato: con il boom economico sono arrivate le fibre sintetiche derivate dal petrolio e addio ai campi. Adesso la canapa sta riprendendo quota, con la nuova legge che disciplina la libera coltivazione.
La Cannabis Legale rappresenta un grosso passo avanti, e starà molto a cuore a parecchi italiani anche a quelli che sono sempre più disillusi della politica di un paese che è sempre in ritardo ad accettare i cambiamenti che, come sappiamo, fra legalizzazione e depenalizzazione in materia di Cannabis, hanno fatto già grossi passi avanti.

L’informazione prima di tutto
La cannabis è un prodotto controverso che, seppur legalizzato, deve essere proposto nel modo giusto. Se i clienti vengono adeguatamente informati sulle varietà dei prodotti di cannabis, sugli effetti che possono avere, diventa più facile acquisire ordini. In altre parole, l’informazione d’uso rende la marijuana più accessibile e aiuta ad eliminare pregiudizi e luoghi comuni che spesso sono un freno all’acquisto.
Nell’ultimo periodo in Italia c’è stato un vero e proprio boom dei grow shop, i negozi dove si può acquistare dei prodotti derivati dalla canapa in maniera del tutto legale.
Infatti, la legge italiana vieta la vendita a scopi ricreativi di cannabis con un principio attivo di THC superiore allo 0,6%, poiché questa provoca degli effetti stupefacenti; è del tutto legittima invece la vendita dei prodotti derivati dalla canapa con un THC notevolmente inferiore alla suddetta soglia. Nell’attesa quindi che anche l’Italia prenda in considerazione l’idea di legalizzare la cannabis anche per soglie di THC superiori, i grow shop sono le uniche attività dove acquistare legalmente la canapa e suoi derivati.

Il risultato?
L’effetto della cannabis light sull’immaginario collettivo è quello di un’erba che a tutti gli effetti ha il sapore, la fragranza, la consistenza e il colore di quella bandita e perseguita può generare un forte appeal su certi consumatori.

Verso la legalizzazione?
Sono più di dieci Stati americani in cui sono ormai liberalizzate la Cannabis o almeno quelle per uso terapeutico (vedi on line su Wikipedia l’articolo: “Legality of cannabis by U.S. jurisdiction”) cosicché, è lecito supporre che lì si guardi alla pianta, sia quella terapeutica che quella stupefacente, con occhio libertario. In Italia non si sa. Gli italiani restano ancora alla periferia del fenomeno. In questo panorama incerto si colloca però una novità, l’innovativa Cannabis Light che è legale perché del tutto depotenziata del THC. Dobbiamo accettarlo, non siamo moderni (e neppure lungimiranti) come la California, ma la Cannabis Legale è già capace di creare, come fenomeno di consumo, una nuova sollecitudine che avvicina, per fortuna, il grande pubblico italiano al tema generale della Cannabis.

Chi cerca uno shop on line con molte Cannabis Light legali può collegarsi al sito di Hemp Act.

La scelta in merito alle diverse varietà è ampia e le infiorescenze provengono solo da aziende specializzate nella produzione di canapa legale da colture totalmente biologiche ed eco sostenibili. Per qualsiasi richiesta o informazione sulle varietà e sugli effetti hai la possibilità di interfacciarti con un adeguato supporto online anche via Facebook (www.facebook.com/hempactcollection/).

 

Chi siamo
Hemp act azienda leader che si occupa della commercializzazione in Italia di varietà di canapa legali a basso contenuto di THC, ha deciso di aggredire questo mercato ancora vergine affidandosi ad un best brand europeo e portando in Italia un prodotto di altissima qualità. Utilizza solo varietà di canapa industriale già legali in Italia perché non contengono sostanze in concentrazioni tali da risultare stupefacenti secondo la legge italiana (LEGGE 242/2016).

Per ulteriori informazioni:
www.hempact.it
www.facebook.com/hempactcollection/
hempactcollection@gmail.com

1

  1. […] Leggi anche: Canapa, la nuova frontiera del mercato italiano […]

Leave a Comment

Your email address will not be published.

0

TOP

X